Selezionare una pagina
Tel: 06 69 70 01 (centralino) - 06 69 91 653 (emergenze) - Anno Santo della Misericordia
chiesa_del_gesu_roma_corridoio_high

Il corridoio d’ingresso alle cappellette di sant’Ignazio nell’antica casa professa del Gesù.

chiesa_del_gesu_roma_stanze_ignazio_1_high

Stanze di sant’Ignazio di Loyola nella Casa Professa del Gesù.

 

Le stanze di sant’Ignazio si trovano all’ultimo piano della residenza costruita da sant’Ignazio e da Codacio tra il 1543 e il 1544. Quella casa, mal costruita, resistette fino al 1598, quando una disastrosa inondazione danneggiò le sue fondamenta.

Le stanze, che si possono visitare, sono tutto ciò che resta di quel primo edificio.

Il Padre Generale Acquaviva ottenne il patrocinio del Cardinale Odoardo Farnese, nipote del Cardinale Alessandro Farnese che aveva costruito la Chiesa del Gesù, per costruire l’attuale Casa Professa nel 1599.

Prima che Acquaviva iniziasse a costruire, si decise di salvare le stanze dove il Padre Ignazio aveva trascorso gli ultimi 12 anni della sua vita, scrivendo le Costituzioni della Compagnia e una voluminosa corrispondenza, e dove era morto dopo lunghe sofferenze il 31 luglio 1556.

Quella decisione implicò la costruzione di un complicato sistema di volte sotto le stanze già esistenti per sostenere il loro peso, quindi la costruzione del nuovo palazzo intorno ad esse, ed infine il loro congiungimento al tessuto del nuovo edificio.

Quest’opera ha mantenuto le stanze praticamente intatte.

Nelle stanze sono conservati cimeli, suppellettili e una statua di sant’Ignazio.

Le camere di sant’Ignazio sono precedute da un corridoio con decorazione prospettica di Andrea Pozzo e affreschi del Borgognone.

In vista della celebrazione dell’Anno Ignaziano 1990-1991, per quasi due anni, più di cinquanta persone hanno lavorato al restauro delle stanze di sant’Ignazio e del corridoio di Andrea Pozzo che le unisce. Il restauro è stato realizzato grazie al patrocinio della Compagnia di Gesù; della Loyola Foundation, Washington D.C.; della Pope Foundation, New York; e della O’Toole Foundation, New York.