Selezionare una pagina
Tel: 06 69 70 01 (centralino) - 06 69 91 653 (emergenze)

Costruire sulla sabbia o sulla roccia

 

 

Matteo 7, 21. 24-27
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non chiunque mi dice: “Signore, Signore”, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli.
Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia.
Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande».

 

 

 

In questo tempo di Avvento, ci soffermeremo sui diversi atteggiamenti di attesa e di preparazione di cui il Vangelo ci dà testimonianza e, come icona di riferimento, teniamo anche oggi in sottofondo l’immagine di preparazione offerta dalla Prima Domenica d’Avvento: “Fate attenzione! Vigilate! Non addormentatevi…” (Mc 13,33-37).

Il Vangelo di oggi suscita paura dal momento che ci ricorda che potremmo sentirci sicuri della nostra fede, ripetere in continuazione le parole “Signore! Signore!” e non essere riconosciuti da lui. Possiamo essere convinti di aver ben atteso l’incontro con lui e di esserci ben preparati e poi possiamo accorgerci che non siamo riconosciuti.

Il Vangelo non vuol mettere paura. Il Vangelo vuole ricordarci l’importanza di un atteggiamento umile e di una costruzione laboriosa del nostro cammino di attesa all’incontro con lui e di preparazione ad esso.

Ecco l’immagine della sabbia e della roccia che il Vangelo ci offre e che ci permette di riconoscere le costruzioni fragili e solide che impregnano il nostro cammino, così come avevano impregnato il cammino di San Francesco Saverio.

Nella nostra vita, tante costruzioni sono basate sulla sabbia e tante costruzioni sono basate sulla roccia. Un atteggiamento di maggiore consapevolezza, di umiltà e di fiducia possono aiutarci a costruire le nostre attese e le nostre preparazioni soprattutto sulla roccia e, cioè, sulla relazione personale con Lui.

Quali sono le componenti di sabbia e di roccia del mio cammino?

In che percentuali sono presenti in esso?