• Tel: 06 697001 (centralino)

  • ANNO IGNAZIANO [maggio 2021-luglio 2022]

Meditazione Mar 1 Dicembre

Meditazione Mar 1 Dicembre

Meditazione Mar 1 Dicembre 440 277 Chiesa del Santissimo Nome di Gesù all’Argentina

Riconoscere la presenza del Signore come amico

 

 

Lc 10, 21-24
In quella stessa ora Gesù esultò di gioia nello Spirito Santo e disse: «Ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, o Padre, perché così hai deciso nella tua benevolenza. Tutto è stato dato a me dal Padre mio e nessuno sa chi è il Figlio se non il Padre, né chi è il Padre se non il Figlio e colui al quale il Figlio vorrà rivelarlo».
E, rivolto ai discepoli, in disparte, disse: «Beati gli occhi che vedono ciò che voi vedete. Io vi dico che molti profeti e re hanno voluto vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono».

 

 

 

In questo tempo di Avvento, ci soffermeremo sui diversi atteggiamenti di attesa e di preparazione di cui il Vangelo ci dà testimonianza e, come icona di riferimento, proseguiamo col tenere in sottofondo l’immagine di preparazione offerta dalla Prima Domenica d’Avvento: “Fate attenzione! Vigilate! Non addormentatevi…” (Mc 13,33-37).

Siamo tutti assorbiti da una vita ordinaria impegnativa e da un vissuto complesso, con luci ed ombre, consolazione e desolazioni, slanci e rallentamenti. La nostra stessa vita di fede si esprime in un tale scenario. Al tempo stesso, il Vangelo ci ricorda che, rispetto a tutto questo, occorre saperci riappropriare di uno sguardo lucido e consapevole, per vivere bene le nostre scelte, le nostre attese e la preparazione ad esse. Nonostante la complessità di cui abbiamo detto, è possibile un approccio semplificato, semplice e fiducioso che ci permette di riconoscere la presenza del Signore, di sperimentarlo come amico e, insieme, orientare il nostro cammino.

Nella mia vita ordinaria, che spazio hanno la semplicità e la fiducia?

So recuperare e valorizzare questi ingredienti di lucidità del mio cammino?