• Tel: 06 697001 (centralino)

  • ANNO IGNAZIANO [maggio 2021-luglio 2022]

San Pietro Canisio

conosciamo i santi

San Pietro Canisio

San Pietro Canisio 800 501 Chiesa del Santissimo Nome di Gesù all’Argentina

San Pietro Canisio, presbitero e dottore della Chiesa

MEMORIA

 

San Pietro Canisio nacque a Nimega nell’odierna Olanda nel 1521.

Dopo gli studi di diritto canonico a Lovanio e di diritto civile a Colonia, entrò nella Compagnia di Gesù. Nel 1546 fu ordinato sacerdote ed è l’ottavo gesuita a emettere i voti solenni.
A lui si deve la pubblicazione delle opere di San Cirillo di Alessandria, di San Leone Magno, di San Girolamo e di Osio di Cordova.

Prese parte attiva al concilio di Trento, come teologo del cardinale Truchsess e consigliere del Papa.

Sant’Ignazio lo chiamò in Italia, mandandolo dapprima in Sicilia, poi a Bologna, per rimandarlo quindi in Germania, dove resterà per trent’anni, in qualità di Preposito Provinciale.

Si adoperò strenuamente per molti anni nel difendere e rafforzare la fede cattolica con la predicazione e con i suoi scritti, tra i quali il celebre Catechismo.

Pio V gli offrì il cardinalato, ma Pietro Canisio pregò il papa di lasciarlo al suo umile servizio della comunità. Morì a Friburgo, in Svizzera, il 21 dicembre 1597.

Pio XI nel 1925 lo ha annoverato nel catalogo dei santi e proclamato dottore della Chiesa.

 

Preghiera

O Dio, che hai suscitato in mezzo al tuo popolo
san Pietro Canisio,
sacerdote pieno di carità e sapienza,
per confermare i fedeli nella dottrina cattolica,
concedi a quanti cercano la verità, la gioia di trovarti
e a coloro che credono, la perseveranza nella fede.
Per Cristo nostro Signore