Selezionare una pagina
Tel: 06 69 70 01 (centralino) - 06 69 91 653 (emergenze)

AGGIORNAMENTO SULLE ATTIVITÀ DELLA RETTORIA DEL GESÙ

 

Aggiornamento dell’8 marzo 2020

A seguito di quanto stabilito dal Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri il 4 marzo 2020, al fine di arginare e contenere la diffusione del virus CODIV-19, (in particolare l’articolo 2 lettera v), la Diocesi di Roma con Decreto del Cardinale Vicario dispone:

 

la sospensione fino al 3 aprile 2020

 

nelle chiese parrocchiali e non parrocchiali della Diocesi di tutte le celebrazioni liturgiche, ivi comprese le Sante Messe sia feriali sia festive con concorso di popolo.

Sono sospesi altresì tutti gli incontri previsti, compresi quelli sulla Parola del lunedì, la Lectio Divina e la Preghiera del venerdì.

I Padri celebreranno in forma riservata, ricordando le intenzioni segnate nel registro delle Messe e pregando più intensamente per il bene di tutti.

 

Per la preghiera personale:

 

l’ingresso alla cappella feriale e alla chiesa sarà regolamentato per assicurare il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro (DPCM, art. 1, b).

Fare molta attenzione a non formare assembramenti nei luoghi di ingresso e di uscita.

Non sono invece consentite le visite turistiche.

 

Le  confessioni  saranno  garantite  nel  locale  con  accesso  dalla sacrestia, tenendo sempre la distanza richiesta, anche tra penitente e confessore.

 

Queste limitazioni, che da credenti viviamo nella fede, sono un vero atto di carità verso il nostro prossimo, di attenzione verso le categorie più esposte, che agevolerà anche il lavoro di tutti gli Operatori sanitari se riusciremo a contenere la diffusione del virus.

Il digiuno imposto dall’Eucaristia potrà farci gustare ancora di più il Pane di vita quando ci potremo comunicare di nuovo, speriamo nel Tempo pasquale.

Sia dunque occasione di preghiera più intensa, specialmente l’11 marzo, giorno in cui la Diocesi s’impegna anche con il digiuno di invocare da Dio aiuto per la nostra città, per l’Italia e per il mondo.

 

I Padri della Rettoria